Access denied Error code 1020

You do not have access to www.superscommesse.it.

The site owner may have set restrictions that prevent you from accessing the site. Contact the site owner for access or try loading the page again.

Additional information

The access policies of a site define which visits are allowed. Your current visit is not allowed according to those policies.

Only the site owner can change site access policies.

I am the site owner

Ray ID: 721c1083df8e012e

  1. Search the Firewall Events Log External link for the above Ray ID.
  2. Examine and assess the details of the access policy.

Troubleshooting guide External link

Autore: statisticheseriea

Statistiche rigori Serie A: a favore e contro

Statistiche rigori Serie A: a favore e contro

Tra le statistiche più interessanti del massimo campionato di calcio italiano vi sono senza dubbio le statistiche rigori Serie A a favore e contro. Con questa tipologia di statistiche andremo ad analizzare il numero di rigori fischiati nelle 38 giornate del campionato di Serie A 2018/2019 e ci aiuterà a capire quali sono le squadre che hanno usufruito di più della massima punizione, e chi invece ha dovuto subire più spesso un calcio di rigore contro. Grazie alla classifica rigori serie A 2018/2019 possiamo capire quali sono gli attacchi che sono riusciti ad entrare maggiormente nell’area avversari per guadagnarsi un calcio di rigore, e quali difese invece sono andate in difficoltà quando gli avversari si sono presentati nella loro area di rigore. Le statistiche rigori ci fanno anche capire chi sono i migliori rigoristi della Serie A ed anche quali sono gli estremi difensori più affidabili quando si tratta di respingere un calcio di rigore.  In questa analisi vedremo anche la classifica rigori serie A degli ultimi cinque anni.

Statistiche rigori Serie A a favore

Il campionato di Serie A 2018/2019 ha visto 38 rigori assegnati dei quali ne sono stati realizzati 25. Andiamo quindi a vedere nel dettaglio quali sono le squadre che hanno usufruito di più rigori durante la stagione 2018/2019 di Serie A:

Classifica rigori a favore Serie A 2018/2019 ( tra parentesi quelli trasformati)

  • Sassuolo: 4 (4)
  • Empoli: 4 (3)
  • Fiorentina: 3 (3)
  • Chievo: 3 (3)
  • Frosinone: 3 (3)
  • Genoa: 3 (3)
  • Inter: 3 (3)
  • Juventus: 3 (3)
  • Torino: 3 (3)
  • Roma: 3 (3)
  • Sampdoria: 3 (1)
  • SPAL: 2 (2)
  • Udinese: 2 (1)
  • Lazio: 2 (2)
  • Atalanta: 2 (1)
  • Milan: 2 (1)
  • Napoli: 1 (1)
  • Cagliari: 1 (1)

 

Statistiche rigori Serie A contro

La classifica dei rigori contro è invece diametralmente opposta rispetto a quella che riguarda i rigori a favore. Andiamo quindi a vedere quali sono state le squadre che hanno subito più rigori contro.

Classifica rigori contro Serie A 2018/2019:

  • Parma: 4(4)
  • Sampdoria: 4 (4)
  • Udinese: 4 (4)
  • Atalanta: 4 (3)
  • Genoa: 4 (3)
  • Cagliari: 3 (2)
  • Roma: 3 (2)
  • Empoli: 3 (2)
  • Inter: 3 (2)
  • Bologna: 2 (2)
  • Juventus: 2 (1)
  • Torino: 2 (1)
  • Fiorentina: 2 (2)
  • Sassuolo: 2 (2)
  • Frosinone: 1 (1)
  • Napoli: 1 (1)
  • Milan: 1 (1)
  • SPAL: 1 (1)
  • Lazio: 1 (0)

 

Classifica rigori Serie A ultimi 5 anni (2013-oggi)

Come promesso, ecco, la classifica dei rigori a favore degli ultimi cinque anni ovvero dal 2013 ad oggi. Contro ogni pronostico a primeggiare è la Lazio con i biancocelesti che hanno ottenuto 50 penalty dal 2013 fino alla data odierna. Vi ricordiamo, prima di chiudere, che sulla nostra pagina troverete anche le statistiche Over/Under Serie A.

  • Lazio: 51
  • Fiorentina: 48
  • Sassuolo: 44
  • Milan: 41
  • Napoli: 41
  • Roma: 36
  • Torino: 36
  • Juventus: 34
  • Atalanta: 28
  • Genoa: 28

Classifica rigori Serie A ultimi 10 anni

Ecco la classifica dei rigori Serie A degli ultimi 10 anni. A comandare, in questa particolare statistica di Serie A è il Milan a quota 80. Seguono Napoli e Lazio mentre Juventus e Inter si attestano rispettivamente a quota 59 e 53.

  • Milan: 80
  • Lazio: 77
  • Napoli: 76
  • Fiorentina: 74
  • Roma: 73
  • Juventus: 59
  • Cagliari: 53
  • Inter: 53
  • Genoa: 53
Statistiche gol Serie A: miglior attacco peggior difesa e tante altre curiosità

Statistiche gol Serie A: miglior attacco peggior difesa e tante altre curiosità

I grandi allenatori lo hanno sempre detto: gli attacchi fanno vincere le partite, le difese fanno vincere i campionati, studiare le statistiche riguardanti i gol diventa quindi fondamentale per capire l’andamento di un campionato. In questo articolo abbiamo studiato le statistiche gol Serie A ed in particolare ci siamo concentrati sull’ultima stagione, ovvero la 2018/2019, per comprendere al meglio come le varie squadre si sono comportate ed analizzare i  motivi che stanno alla base dei successi e dei fallimenti. Le statistiche gol subiti Serie A e le statistiche gol fatti sono inoltre estremamente utili per gli amanti del betting in quanto permettono di orientarsi al meglio nella scelta della giocate. Spesso infatti si preferisce puntare su di un segno Over o Under oppure su di un segno GOL SI o ancora sul 1° marcatore di un match, piuttosto che giocare un segno fisso, in quanto la giocata si ritiene più facile da pronosticare ma, al tempo stesso, molto remunerativa.

Statistiche gol Serie A 2018 2019

Sempre a disposizione, chiare ed in grado di aiutare lo scommettitore a realizzare una giocata potenzialmente vincente: le statistiche sui gol Serie A rendono più chiaro il quadro della situazione relativa ai cannonieri, alle difese ed alle prestazioni delle squadre. Scommettere su chi sarà il primo marcatore, su chi andrà a segno durante la partita o su qualsiasi altro aspetto riguardante i gol è più facile grazie a numeri, confronti e dati oggettivi, certamente da interpretare per ogni singolo match ma che rappresentano indubbiamente una base solida per vincere ogni scommessa. Il primo dato da analizzare è indubbiamente quello che riguarda il numero di gol messi a segno durante la stagione, per capire che tipo di campionato si prospetta:

StagioneGol fatti Serie A
Serie A 2017/20181017
Serie A 2016/20171123
Serie A 2015/2016979
Serie A 2014/20151024

La Serie A 2018/2019 ha visto mettere a segno fin qui 470 gol. La squadra che attualmente detiene la palma di miglior attacco della stagione è la Juventus a quota 36 gol dopo le prime diciotto partite stagionali. Per quel che riguarda le difese, quella della Vecchia Signora attualmente è la meno battuta in virtù dei dieci gol subiti in diciotto incontri.

SquadraGol Subiti
Juventus10
Inter14
Napoli15
Torino18
Fiorentina18

Statistiche gol Serie A 2018 2019: i migliori marcatori

Per quel che riguarda le prestazioni dei singoli calciatori non possiamo che iniziare dal titolo di capocannoniere che i vari bomber del campionato nostrano si contenderanno nel corso di questa stagione. Attualmente a quota 13 reti comanda la sorpresa di questa Serie A ovvero Piatek, il bomber del Genoa. Il tanto atteso Cristiano Ronaldo, invece, insegue a quota 12 con il rendimento del portoghese che fin qui è stato sicuramente di altissimo livello visti anche i molti assist forniti ai compagni di squadra. Fermo ancora a due, invece, uno dei grandi protagonisti della scorsa stagione ovvero Paulo Dybala.  Di seguito i migliori cinque marcatori Serie A della stagione 2018-19:

MarcatoriGol fatti serie A
Piatek13
Ronaldo12
Quagliarella11
Immobile10
Zapata9

 

Statistiche gol subiti Serie A 2018/2019

Il campionato di Serie A non è caratterizzato solo da numeri positivi, ma anche da tanti dati negativi. La palma di peggiore difesa di questo campionato attualmente è detenuta da Frosinone ed Empoli che hanno subito 36 gol nei primi diciotto incontri. Non sta andando molto meglio al Chievo la cui porta è stata bucata 35 volte. Tra le big del nostro campionato la più perforata è la difesa della Roma che ha subito 24 reti nei 18 match disputati in questa stagione di Serie A.  Nella tabella qui sotto potete vedere le peggiori difese Serie A 2018/2019

Squadra Gol Subiti
Frosinone36
Empoli36
Chievo35
Genoa35
Bologna26

Statistiche gol fatti Serie A 2018/2019

Come già detto Juventus e Napoli sono attualmente le migliori squadre del campionato per numero di gol fatti a quota 32, segue l’Atalanta che, complice la goleada ai danni dell’Inter è salita a 29. Non solo dati positivi però, ci sono squadre che si sono distinte infatti per la sterilità offensiva. In questo senso i peggiori sono stati gli avanti di Chievo e Frosinone che hanno realizzato rispettivamente solo 12 e 11 reti dopo le prime quindici giornate.

Squadra Gol Fatti
Juventus32
Napoli32
Atalanta29
Inter27
Roma26

Statistiche gol risultato esatto Serie A 2018/2019

Tra le statistiche Serie A più interessanti da analizzare ci sono senza dubbio quelle che riguardano i gol totali realizzati nel corso di un incontro e dunque la frequenza di risultati esatti che si sono manifestati maggiormente dopo le prime quindici giornate. In questa speciale classifica comanda l’1-1 verificatosi ben 17 volte. Segue il 2-2 a quota 14. Già ben tre volte si sono verificati dei 4-0 mentre ancora a secco il 4-2 e 4-3. Nella tabella sottostante potete vedere la classifica della Serie A per quel che riguarda il risultato più frequente calcio dopo le prime quindici giornate:

Risultato esatto serie ANumero partite
1-117
2-214
1-013
2-113
2-012
0-011

Statistiche gol/nogol Serie A 2018/2019

La tipologia di giocata gol/nogol è una delle preferite da gran parte degli scommettitori. La spiegazione è abbastanza semplice, infatti, si tratta di stabilire se in una partita a segnare saranno entrambe le squadre oppure una soltanto. Nel primo caso la combinazione vincente risulta quella denominata Gol, mentre nel secondo prevale il no gol. Detto ciò, per puntare oggi su una determinata partita di serie A è importante sapere, statistiche alla mano, qual è la tendenza giornata per giornata. Attualmente, nel campionato di Serie A, su 15 turni disputati, ci sono state 81 partite terminate con il segno gol e 69 finite con il segno nogol con una percentuale del 54% per la prima tipologia di giocata e del 46% per la seconda. Grazie a queste statistiche gol Serie A è molto più facile leggere e comprendere la classifica e, soprattutto, avere spunti importanti per la compilazione delle nostre giocate.

Under e Over Serie A: numeri e percentuali della stagione 2018 2019

Under e Over Serie A: numeri e percentuali della stagione 2018 2019

Le statistiche Under/Over Serie A sono molto gettonate, in quanto stimolano non solo la giocata finale ma anche lo studio della singola partita; anche qui, come nel caso del trend in casa e in trasferta, è possibile scorgere dei particolari non trascurabili per chi ama non semplicemente scommettere, ma mettere in gioco la propria conoscenza e la propria capacità di interpretazione.

Statistiche Under/Over Serie A 2018/2019

La sequenza di Under e Over di ogni squadra dice molto su di essa, forse anche più del semplice risultato finale: combinare questa giocata con altre della stessa tipologia può permettere di aumentare le probabilità, nonché la cifra, delle vincite. In questo articolo parliamo delle statistiche Serie A relative alle scommesse Under/Over del massimo campionato italiano di calcio, concentrandoci in particolare sui segni Under/Over 2,5 in quanto sono i più utilizzati dagli amanti del betting. Questi numeri sono molto importanti per gli scommettitori che amano scommettere sulle partite della Serie A italiana. Nelle partite Seria A giocate nel campionato di Serie A 2018/2019 si sono registrati 71 segni Under 2,5, mentre i segni Over 2,5 sono stati 79. Percentuale, dunque, del 47,3% per la prima tipologia di giocata mentre 52,7% per la seconda.

Statistiche Under/Over Serie A 2018/2019: i dati delle squadre

Per quel che riguarda le singole squadre, la squadra che attualmente ha terminato più partite con il segno Over 2,5 è stata il Napoli  con 11 segni Over 2,5 sulle 15 partite giocate. A guidare, invece, la classifica per quel che riguarda i segni Under 2,5 avendone fatti registrare 10 su 15 match giocati sono Fiorentina e Cagliari. Roma e Milan sono le squadre che hanno fatto registrare più segni Over 2.5 in casa mentre Juventus, Chievo, Udinese e Parma guidano la classifica degli Under 2.5 casalinghi. In trasferta, invece, a farla da padrone è sempre il Napoli con ben 7 segni Over 2.5 in altrettante partite mentre guidano la classifica degli Under 2.5 esterni Roma e Fiorentina.

SquadreSegni Over 2,5
Napoli11
Genoa10
Atalanta10
Empoli9
Inter9

Statistiche Under/Over Serie A 2018/2019: Under 1,5, Over 3,5

Se l’Over 2,5 è la giocata più ricercata dagli scommettitori, non possiamo non prendere in considerazione tutti gli altri segni Under/Over, in particolare i segni Under 1,5 ed Over 3,5 tra cui spesso troviamo delle quote molto interessanti. Per quel che riguarda i segni Under 1,5 a comandare attualmente è il Torino che ha fatto registrare ben sei volte questo segno. A guidare la classifica degli Over 3.5 troviamo invece Atalanta e Roma. Le squadre che invece hanno fatto registrare meno segni Over 3,5 sono Fiorentina e Parma.

Statistiche Inter: numeri e probabili formazioni

Statistiche Inter: numeri e probabili formazioni

L’Inter sta disputando il suo 103esimo campionato nella massima serie italiana. Per quanto riguarda le statistiche Inter in Serie A, infatti, la prima apparizione è datata 1909-10. I nerazzurri sono l’unica squadra italiana a non essere mai retrocessa in Serie B. Fino alla stagione 2006-2007, questo record è stato condiviso con la Juventus con i bianconeri che hanno pagato successivamente lo scandalo Calciopoli scendendo in Serie B. Il giocatore dell’Inter con più presenze in Serie A è Javier Zanetti. L’ex numero 4 nerazzurro, infatti, ha disputato 869 partite con la casacca nerazzurra. A guidare, invece, la classifica dei capocannonieri dell’Inter è Giuseppe Meazza a quota 288 reti. Gli scudetti dell’Inter in Serie A, invece, sono 18, con l’ultimo titolo datato 2009-10 ovvero la stagione del Triplete.

Statistiche giocatori Inter

Nel seguente paragrafo troverete tutte le statistiche dei giocatori dell’Inter e molte curiosità sulla squadra meneghina. Come detto per quanto riguarda i capitani dei nerazzzurri Javier Zanetti è l’uomo con più presenze. L’argentino è uno dei quattro stranieri ad aver indossato la fascia da capitano della Beneamata. Andiamo a vedere chi sono gli altri tre.

Quali sono i calciatori stranieri che hanno indossato la fascia da capitano dell’Inter:

Il primo in assoluto è stato Hernst Marktl nonchè primo capitano della storia dei nerazzurri. A novant’anni di distanza il fenomeno Ronaldo nella stagione 1999 fu il secondo. Prese il suo posto Javier Zanetti che indossò la fascia per 13 stagioni dal 2001 al 2014. Il quarto è l’attuale capitano dell’Inter ovvero Mauro Icardi che si è impossessato di questa onorificenza nel 2015.

Quali sono i calciatori che hanno vinto il Pallone d’Oro con l’Inter:

Ad oggi solo due giocatori dell’Inter hanno vinto il massimo premio individuale a livello calcistico con la maglia dei nerazzurri. Il primo fu Lothar Matthaus che, nel 1990, dopo aver vinto il Mondiale da capitano della Germania riuscì ad esporre il premio a San Siro di fronte ai suoi tifosi. Successivamente il fenomeno Ronaldo in due occasioni arrivò primo in questa speciale classifica nel 1997 e nel 2002.

Giocatore dell’Inter con più autoreti: 

Riccardo Ferri non solo è il calciatore dell’Inter con più autoreti ma detiene anche la palma di recordman in Serie A in compagnia di Franco Baresi. L’ex difensore dei nerazzurri si è fermato a quota 8 autogol siglate tutte allo stesso portiere: Walter Zenga.

Qual è il giocatore più giovane ad aver esordito con l’Inter:

Il calciatore più giovane a debuttare con l’Inter fu Giuseppe Bergomi a 16 anni 1 mese e 8 giorni. Lo “Zio”, successivamente, vestì la casacca nerazzura per venti stagioni dal 1979 al 1999.

Giocatore più anziano ad aver esordito con l’Inter:

Il calciatore più vecchio a debuttare con l’Inter fu Marco Ballotta nella stagione 2000-01 a 36 anni, 5 mesi e 5 giorni. Fu l’unica annata per l’estremo difensore di Casalecchio del Reno con la casacca nerazzurra.

Giocatore con maggior numero di gol nella stessa partita:

Giuseppe Meazza, oltre ad essere il primo nella classifica dei marcatori dell’Inter, detiene anche questo record grazie alle cinque reti messe a segno nella sfida della stagione 1937-38 tra Ambrosiana Inter e Bari terminata 9-2. Record condiviso con Angelillo. Anche l’argentino siglò cinque gol nel match tra Inter e SPAL del 1958.

Adesso concentriamoci sulla rosa dell’Inter della stagione attuale e su tutte le statistiche Inter 2018 in Serie A dei giocatori a disposizione di Luciano Spalletti.

PORTIERI:

  • Samir Handanovic: 12 presenze, 10 reti subite
  • Daniele Padelli: 0 presenze, 0 reti subite
  • Tommaso Berni: 0 presenze, o reti subite

DIFENSORI:

  • Kwadwo Asamoah: 10 presenze, cartellini: 2 gialli
  • Dalbert: 5 presenze
  • Danilo D’Ambrosio: 9 presenze, 1 gol, cartellini: 2 gialli
  • Stefan de Vrij: 8 presenze, 1 gol, cartellini: 1 giallo
  • Miranda: 6 presenze, cartellini: 3 gialli
  • Andrea Ranocchia: o presenze
  • Milan Skriniar: 10 presenze, cartellini: 1 giallo
  • Sime Vrsaljko: 6 presenze, cartellini: 2 gialli

CENTROCAMPISTI:

  • Marcelo Brozovic: 11 presenze, 2 gol, cartellini: 3 gialli, 1 rosso
  • Antonio Candreva: 6 presenze, 1 gol
  • Roberto Gagliardini: 8 presenze, 2 gol cartellini: 2 gialli
  • Joao Mario: 2 presenze, 1 gol
  • Radja Nainggolan: 9 presenze, 3 gol
  • Ivan Perisic: 12 presenze, 2 gol
  • Borja Valero: 7 presenze, cartellini: 1 giallo
  • Matias Vecino: 10 presenze, cartellini: 2 gialli

ATTACCANTI:

  • Keita Baldé: 11 presenze, cartellini: 1 giallo
  • Mauro Icardi: 9 presenze, 7 gol
  • Lautaro Martinez: 5 presenze, 1 gol cartellino: 1 giallo
  • Matteo Politano: 12 presenze, 2 gol, cartellini: 1 giallo

Quali sono i giocatori dell’Inter con più presenze in questa stagione?

Come potete vedere dalle statistiche Inter sopra i calciatori attualmente più utilizzati da Spalletti in campionato sono Matteo Politano, Ivan Perisic e Samir Handanovic a quota 12 presenze.

I giocatori dell’Inter del triplete

La rosa dell’Inter 2009-10 resterà nella storia per aver raggiunto un traguardo inedito fino a quel momento per le squadre italiane. Gli uomini di Mourinho, infatti riuscirono a trionfare in tutte e tre le competizioni in cui erano impegnati. L’Inter 2010 in Champions partì con qualche difficoltà nel corso della fase a gironi. La svolta arrivò a Kiev grazie alla sfida vinta nei minuti di recupero contro la Dinamo. Successivamente, la rosa dell’Inter del triplete, eliminò il Chelsea campione d’Inghilterra ed in semifinale ebbe la meglio sul Barcellona dei marziani nonchè campione in carica. Di seguito andiamo a vedere la formazione dell’Inter del triplete nella finale.

Formazione Inter 2010 finale Champions:

Inter (4-2-3-1): Julio Cesar; Lucio, Samuel, Maicon, Chivu; Cambiasso, Zanetti; Sneijder, Pandev, Eto’o; Milito.

Marcatori Inter

Tra le più importanti statistiche dell’Inter non possiamo che concentrarci sui capocannonieri dei nerazzurri. I supporter della Beneamata, infatti, hanno avuto la possibilità di ammirare grandi attaccanti che hanno calcato il palcoscenico di San Siro. Molti di questi sono riusciti, tra l’altro, a superare quota 100 reti in Serie A.  Il giocatore con più gol nell’Inter è Giuseppe Meazza, calciatore a cui in seguito è stato intitolato lo stadio di Milano. Il calciatore in attività con più reti nell’Inter è invece Mauro Icardi, per ora, fermo a quota 104 reti. Di seguito andiamo a vedere la classifica marcatori storici Inter in Serie A.

  1. Giuseppe Meazza: 198
  2. Benito Lorenzi: 138
  3. Istvan Nyers: 133
  4. Alessandro Altobelli: 128
  5. Sandro Mazzola: 116
  6. Roberto Boninsegna: 113
  7. Mauro Icardi: 104
  8. Christian Vieri: 103
  9. Attilio Demarìa: 76
  10. Mario Corso: 75
Lucas Paquetà è del Milan: video e caratteristiche del fuoriclasse brasiliano

Lucas Paquetà è del Milan: video e caratteristiche del fuoriclasse brasiliano

Il direttore generale del Milan Leonardo, dopo essersi assicurato, durante il calciomercato estivo, le prestazioni di Caldara e Higuain, ha messo a segno un altro grandissimo colpo. Dal Flamengo, infatti, a Gennaio arriverà alla corte di mister Rino Gattuso, Lucas Paquetà talento brasiliano classe 1997. Il Milan, dunque, pesca nuovamente un jolly verdeoro ed ecco che la mente non può che far riferimento agli acquisti storici messi a segno dalla vecchia dirigenza rossonera. Nel 2003, dal San Paolo, approdò Kakà che a Milano vinse successivamente il Pallone d’Oro. Correva l’anno 2008, invece, quando Galliani riuscì ad assicurarsi le prestazioni di un giovanissimo Alexandre Pato, talento dell’Internacional di Porto Alegre. Il “Papero”, complici una serie di infortuni, non riuscì ad esprimersi con continuità ma comunque riuscì a vincere uno scudetto a Milano e siglò 51 reti in 117 presenze. La speranza della tifoseria rossonera, dunque, è che Paquetà possa replicare le gesta dei suoi predecessori. L’allenatore del Flamengo e la stampa brasiliana giurano che il 21enne possa anche superare i numeri di Kakà. Non resta che aspettare, dunque, l’inizio della storia tra Lucas Paquetà e il Milan.

 

Andiamo adesso a vedere nel dettaglio le caratteristiche di Lucas Paquetà. Il classe 1997 è alto 180 cm per 72 kg. Si è accasato al Flamengo all’età di 10 anni e da qui ha fatto tutta la trafila delle giovanili fino all’approdo in prima squadra, datato 2016. Il primo gol da professionista Paquetà lo sigla nel 2017 nel 4-0 dei rossoneri contro il Madureira. Con la maglia della società di Rio de Janeiro finora ha realizzato 12 reti in 57 presenze. A settembre, in seguito alla Coppa del Mondo in Russia, è arrivata anche la prima convocazione con la nazionale verdeoro. Già due presenze, dunque, per Lucas Paquetà con la maglia carioca nelle amichevoli di settembre giocate contro Stati Uniti ed El Salvador. Qui di seguito vi lasciamo un video di Paquetà.

Statistiche gol fatti e subiti Serie A 2016/2017

Statistiche gol fatti e subiti Serie A 2016/2017

Il campionato italiano di Serie A 2016/2017 è stato uno dei più ricchi di sempre dal punto di vista dei record battuti come ad esempio quello dei gol fatti e subiti. In questo articolo vediamo nel dettaglio i punti salienti della stagione in oggetto.

La solita Juventus e la sorprendente Atalanta

La Juventus è stata la prima squadra italiana a vincere 6 scudetti consecutivi mentre Roma e Napoli si sono piazzate rispettivamente seconda e terza nonostante abbiamo stabilito il record di punti della loro (87 e 86) e segnato anche il maggior numero di gol di tutti i tempi (90 e 94) Anche l’Atalanta guidata da un tenace e preparatissimo tecnico che risponde al nome di Gasperini ha stabilito il suo record di punti (72) e di vittorie in serie a (21). Inoltre rispetto alle altre è stata l’unica ad aver un margine di miglioramento incredibile, infatti, è riuscita ad ottenere ben 27 punti in più rispetto al campionato 2015/2106. In riferimento ai gol fatti e subiti, meritano una citazione quelli segnati dai suoi difensori (18) con i propri difensori. Altri due significativi e storici risultati della squadra orobica sono senza alcun dubbio l’altisonante vittoria in trasferta con il Genoa con 5gol di scarto. Ma ciò che sorprende di più è che in una sorta di campionato tutto lombardo, l’Atalanta è riuscita ad arrivare prima delle blasonate Inter e Milan e addirittura a piazzarsi quarta nella classifica finale, altro record storico che tra l’altro ha permesso agli orobici di prendere parte di nuovo ad una competizione europea (Europa League), dopo molti anni. In questa manifestazione L’Atalanta si sta peraltro comportando molto bene, avendo superato come prima classificata la fase a gironi approdando quindi come testa di serie ai sedicesimi di finale in programma a febbraio 2018. Infine è doveroso sottolineare che i bergamaschi sono anche semifinalisti di Coppa Italia avendo eliminato il Napoli nel match secco svoltosi al San Paolo il 2 gennaio. In semifinale gli orobici affronteranno la Juventus in una sfida che si preannuncia esaltante e con buone prospettive.

Gli altri record significativi della scorsa stagione di Serie A

Quando si parla di record non sempre si fa riferimento a vittorie consecutive o punti raccolti, ma anche ai gol subiti. Un esempio lampante arriva proprio dal campionato 2016 / 2017 in cui il Cagliari guidato da Rastrelli, ha subito 76 gol che rappresentano il record negativo della loro storia dei sardi in Serie A. Tale performance negativa è ulteriormente amplificata dall’incredibile numero di conclusioni in porta che la difesa rossoblù ha concesso agli avversari; infatti, sono state ben 653, ovvero un punteggio che fa rabbrividire se solo si pensa per un attimo se anche un terzo dei tiri fosse andato a buon fine. In tal caso parleremo di un record negativo senza precedenti nella storia del calcio mondiale.

Chievo ed Empoli:  i loro record negativi

Per par condicio è doveroso citare anche il Chievo Verona che nel campionato 2016/2017 ha subito 61 reti ed in questo caso si tratta di un record negativo visto che nella sua breve vita nella massima i clivensi non avevano subiti mai più di 54 reti in un campionato di Serie A. molti critici asseriscono che uno dei mali peggiore dei veneti e che ha poi generato questo risultato negativo era dovuto all’età media dei calciatori della rosa, che era decisamente alta poiché superire ai 31 anni e mezzo, con il buon Pellissier a fare da chioccia. Anche l’Empoli poi retrocesso in serie B, non è da meno in tema di record negativi; infatti, i toscani in serie A non avevano mai segnato soltanto 29 gol, e la media bassa del campionato scorso la si può spiegare con i 365 tiri totali in 38 partite nella Serie A 2016/17. Per concludere questa rapida carrellata di record negativi e di gol fatti e subiti, vale la pena citare il record ottenuto dall’inter. I nerazzurri, infatti, non sono riusciti a segnare molti gol nonostante i suoi centrocampisti avessero scodellato al centro dell’aria per i vari Icardi ed Eder una cifra impressionante di cross, infatti, sono ben 940 che rappresentano quasi un record europeo assoluto, visto che soltanto altre 4 squadre del vecchio continente sono riusciti a fare meglio, ma anche a finalizzare di più.

Napoli e Juventus : Over oppure Under?

Napoli e Juventus : Over oppure Under?

Il sito statisticheseriea.it nasce con l’intento di favorire gli scommettitori che amano puntare sulle partite di calcio aldilà del classico segno 1X2  e quindi sul numero di gol fatti e subiti nei 90 minuti regolamentari, oppure  nei primi tempi. La maggior parte dei bookmakers italiani offrono infatti l’opportunità dell’under e dell’over e da pochi anni, e questa tipologia di scommessa è stata estesa anche ai primi tempi come da tradizione anglosassone. Per questo motivo l’articolo che segue, si occupa di fornire delle statistiche in merito ai risultati conseguiti dalle squadre di vertice del campionato italiano di serie A, e che possono ritornare utili agli scommettitori per sapere su chi puntare per l’antepost o per un singola partita. Ecco cinque fantastici bonus benvenuto per le scommesse sportive da attivare subito tramite i nostri link esclusivi.

FINO A 305€*VISITA IL SITO
FINO A 250€*VISITA IL SITO
FINO A 210€*VISITA IL SITO
FINO A 225€*VISITA IL SITO

*Si applicano Termini e Condizioni

Napoli-Juve Serie A: i primi tempi

La Juventus e il Napoli sono le squadre  che nei primi tempi hanno ottenuto più vittorie e che hanno segnato il maggior numero di reti subendone anche meno. I bianconeri di Torino infatti in 19 partite giocate, nei primi tempi hanno vinto 13 volte  come reti e ne hanno segnato 21 subendone appena 6. Il Napoli invece seppur vincente di meno nel primo tempo (11 volte su 19), può vantare  il maggior numero di gol segnati (23) e 8 subiti. Questi ultimi seppur alla pari o quasi con quelli dei bianconeri, sono di rilevante importanza . Il motivo di questa affermazione è dettato dal fatto che per il Napoli rappresentano quasi il totale delle reti subite nelle 19 giornate con minutaggio completo (quindi al termine dei 90 regolamentari). I partenopei infatti, vantano la seconda miglior difesa con sole 13 reti subite rispetto alle 15 subite dai bianconeri.

Entrambe le squadre possono tuttavia vantare un buon bottino di reti globali segnate nelle 19 giornate del girone di andata; infatti, il Napoli ne ha messe a segno 42 mentre i bianconeri 45. Questa cifra dimostra che la distribuzione di gol segnati è la stessa sia nei primi che nei secondi tempi delle partite in cui le due squadre ogni domenica sono impegnate. Giocare l’over sia nel primo che nel  secondo tempo, oppure l’under con squadre come Napoli e Juventus, significa oggi statistiche alla mano, poter indovinare almeno 95 volte su 100 l’esatto coefficiente  di reti fatte o subite. A parlare chiaro sono infatti le statistiche appena descritte. Registrati ora su Eurobet per avere un super bonus per le scommesse sportive.

Statistiche Goal/No Goal Serie A

Statistiche Goal/No Goal Serie A

Chi ama scommettere sul calcio sa benissimo che i vari palinsesti dei siti preposti a ciò, offrono diverse tipologie di gioco e relative quote che non si riferiscono soltanto al classico 1X2, ma anche a risultati esatti, Under ed Over, risultato parziale e finale e tante altre tipologie. Uno che va per la maggiore e che è in assoluto quello più giocato è il cosiddetto gol/no gol. Per chi adotta già questo metodo di giocata il discorso appare facile da comprendere, ma per i neofiti potrebbe diventare un dubbio amletico. In riferimento a ciò, il sito statisticheseriea.it propone un’ampia guida con delle statistiche riguardanti proprio il fattore gol /no gol che ha interessato il campionato italiano di Serie A nella stagione 2016 /2017.  Ecco cinque fantastici bonus benvenuto per le scommesse sportive da attivare subito tramite i nostri link esclusivi.

FINO A 305€*VISITA IL SITO
FINO A 250€*VISITA IL SITO
FINO A 210€*VISITA IL SITO
FINO A 225€*VISITA IL SITO

*Si applicano Termini e Condizioni

Scommesse gol/nogol in Serie A

La tipologia di giocata Goal/No Goal è una delle preferite da gran parte degli scommettitori. La spiegazione è abbastanza semplice, infatti, si tratta di stabilire se in una partita a segnare saranno entrambe le squadre oppure una soltanto. Nel primo caso la combinazione vincente risulta quella denominata Gol, mentre nel secondo prevale il no gol. Detto ciò, per puntare oggi su una determinata partita di serie A è importante sapere statistiche alla mano, qual è la tendenza anno per anno. In questo caso come rifermento abbiamo optato per il campionato di serie A 2016/2017. Su 188 partite giocate, ci sono stati il 50,53% di risultati con la tipologia gol e il 49.46% con quella no gol. A questo punto lo scommettitore esperto o principiante che sia si può chiedere quali squadre deve scegliere e quali invece conviene evitare. Se guardiamo le statistiche del tipo pena descritta, è ovvio che la percentuale globale non aiuta di certo chi intende stabilire se una squadra come ad esempio la Juventus, La Roma, l’Inter o il Milan, tanto per citarne alcune, siano effettivamente in grado di segnare e di non subire gol. Questa condizione vista la forza dei team appena citati, potrebbe far pensare all’opzione no gol, ma il discorso tendenzialmente cambia se una delle suddette squadre non incontra una di pari forza come ad esempio un Juventus- Inter, in cui pare più logico anche per le statistiche riguardanti il potenziale offensivo dell’Inter che la partita finisca con almeno un gol per parte e quindi con la tipologia gol come scommessa vincente. Registrati ora su Bet365 per attivare un super bonus speciale.

Le altre importanti statistiche della Serie A

Tener conto delle statistiche è indubbiamente molto importante al fine di piazzare una scommessa vincente, per cui volendo diventare un esperto di Goal/No Goal è fondamentale conoscere il potenziale offensivo e difensivo della squadra di casa, ma anche di quella che gioca in trasferta. Per fare un esempio, basti prendere in considerazione il Napoli e la Juventus.  I partenopei, infatti, segnano molto ed è praticamente rarissimo che non lo facciano in casa e fuori, ma tuttavia puntualmente (quest’anno un po’ di meno), subiscono gol anche in casa. L’esatto contrario avviene invece con la Juventus che tutto sommato è più equilibrata in quanto se riesce a dettare il proprio gioco in casa così come in trasferta, difficilmente subisce gol, e quindi la tipologia nogol con i bianconeri è un’opzione da non scartare. Inoltre va sottolineato che seppur senza più Bonucci, il cosiddetto trio difensivo BBC (Buffon, Bonucci e Chiellini), che in pratica è stato l’artefice principale dei 6 scudetti di fila dei bianconeri (senza nulla togliere agli attaccanti), si è dimostrato ancor valido e capace di ridurre al minimo in danni in ogni partita.

Nota a margine

A margine per gli scommettitori è dato sapere che anche le motivazioni di un giocatore o di una squadra sono fondamentali; infatti, per fare un esempio, se si tratta di un tesserato che sta giocando le sue ultime partite con il club di appartenenza, è chiaro che per non rischiare tiri indietro la gamba in previsione del prossimo addio e quindi per mancanza di stimoli. Lo stesso discorso riguarda i team che magari con in tasca lo scudetto preferiscono giocare più rilassati o pensare ad una finale di una coppa e quindi non riescono a segnare nemmeno un gol.  In questi casi, chi aveva scommesso per l’opzione gol cioè reti di entrambe le squadre  come consigliato dalle statistiche, si ritrova  “tradito” dal non gioco del suddetto team e quindi con la scommessa perdente in quanto della tipologia No Goal. Registrati ora su Snai per avere un fantastico bonus per le scommesse.

Calciomercato Serie A: le scommesse e le quote più interessanti

Calciomercato Serie A: le scommesse e le quote più interessanti

Siamo entrati nel vivo del calciomercato invernale 2019 e l’attenzione degli appassionati di calcio è rivolta verso il calciomercato Serie A con tutte le trattative delle squadre italiane che cercano di rinforzare la rosa in vista della seconda parte di stagione. Il calciomercato invernale Serie A 2019 è già iniziato con diverse sorprese e tante conferme ma sarà caratterizzato da acquisti e cessioni importanti. Chi comprerà la Juve per provare a vincere la Champions League? Su quale giocatore punteranno Inter e Napoli per la corsa all’Europa League? Quali saranno gli acquisti di Roma e Milan nel mercato di riparazione? In questo articolo proponiamo un tabellone con tutte le trattative calciomercato Serie A inverno 2019. Vi ricordiamo inoltre che la chiusura del mercato invernale 2019 è prevista per il 31 gennaio e non più per il 19 com’era stato precedentemente delineato. Prima di vedere le quote relative al calciomercato invernale delle trattative di Serie A, se sei un appassionato di scommesse sportive, ti consigliamo di sfruttare il fantastico bonus di Snai per i nuovi clientiregistrati ora per ricevere fino a 5o5€ di bonus. Oppure consulta la tabella di seguito e scegli la migliore delle promozioni.

FINO A 305€*VISITA IL SITO
FINO A 250€*VISITA IL SITO
FINO A 210€*VISITA IL SITO
FINO A 225€*VISITA IL SITO

*Si applicano Termini e Condizioni

Calciomercato Inter: ecco le mosse di Marotta

Beppe Marotta, dopo aver lasciato il bianconero si è accasato all’Inter e affiancherà Piero Ausilio nelle trattative dell’Inter durante il calciomercato invernale. L’ex ad della Vecchia Signora sta già muovendo i primi passi anche se, la rosa dei nerazzurri, non dovrebbe subire particolari scossoni a Gennaio come dichiarato, qualche settimana fa, da Ausilio.  Il mercato dell’Inter, però, ha riservato la prima sorpresa per quanto riguarda la prossima stagione. Diego Godin, infatti, arriverà nella prossima stagione a puntellare la retroguardia nerazzurra. L’uruguaiano arriverà a paramentro zero dall’Atletico Madrid. Potrebbe riservare qualche sorpresa, invece, l’asse Milano Cagliari. Secondo Matchpoint, infatti, i due giocatori rossoblu, Cragno e Barella, potrebbero indossare il nerazzurro da gennaio. Vista l’età di Handanovic potrebbe essere il momento ideale per l’Inter per mettere a punto un ricambio generazionale tra i pali. Barella, invce, è un pallino di Ausilio da tempo e, questa finestra di mercato, potrebbe essere l’occasione giusta per vedere il giovane centrocampista sardo in nerazzurro. Nel calciomercato dell’Inter, resta vivo anche il sogno Modric. Visto il trionfo del Pallone d’Oro da parte del croato, però, questa possibilità è assai remota.

Calciomercato Juve: chi parte e chi arriva a gennaio?

Andiamo a vedere secondo i bookmakers quali potrebbero essere i movimenti di mercato invernale per quanto riguarda la Juventus. Ci sono voci relative a Pogba, Rabiot e tanti altri campioni. Vediamo le quote sul calciomercato Juve, i bookmakers non mentono mai e le loro scommesse potrebbero dare indicazioni sui possibili acquisti e le probabili cessioni dei bianconeri a gennaio.

Ecco le quote del Calciomercato Juve

SITUAZIONE MARCELO: la quota non è molto alta (2,75 entro il 19 gennaio secondo Match Point) quindi il terzino brasiliano potrebbe davvero arrivare a Torino nel mercato invernale dei bianconeri seguendo il suo amico fraterno Cristiano Ronaldo.

RITORNO POGBA: difficile ma non improbabile il ritorno alla Juve di Pogba. Il centrocampista del Manchester United sembra intenzionato a tornare in maglia bianconera e la sua quota di un ritorno in bianconero è calata di un punto nell’ultimo mese (da 3 a 4).

MISSIONE TONALI: il giovane giocatore del Brescia è nella lista di mercato di diversi club importanti ma la Juve sembra in vantaggio. La quota 2.50 confermerebbe l’interesse della Vecchia Signora.

IPOTESI MESSI: la quota è giustamente alta. Il trasferimento di Messi alla Juve è davvero da fantamercato, ma nel calcio niente è impossibile.

DISCORSO ASENSIO-ISCO: Nonostante le due quote siano piazzate entrambe a 7.50 è più vicina la possibilità di un approdo di Isco in bianconero visto che, l’ex Malaga è in scadenza di contratto con il Real Madrid.

POSSIBILI ACQUISTI JUVE PROSSIMA STAGIONE: Sisal Match Point ha messo a disposizione alcune scommesse relative al prossimo mercato estivo della Juve. Tre giocatori che potrebbero arrivare o tornare a Torino entro 18 agosto 2019: Higuain, Morata e Mbappe. Ecco le quote:

ASTA PER CHIESA: JUVE IN POLE POSITION: secondo le quote di Match Point la Juve sarebbe in pole position per l’eventuale acquisto di Federico Chiesa. In estate inizierà una vera e propria asta per il gioiello viola, bianconeri sarebbero in vantaggio su squadre come Inter, Roma e Napoli. Attenzione, però, la permanenza a Firenze risulta essere la quota più bassa, al momento.

Le quote del Calciomercato invernale di Serie A

In questo paragrafo proponiamo le quote più interessanti sul calciomercato di Serie A. Sui vari siti AAMS i palinsesti Calciomercato Serie A sono caratterizzati da scommesse sui trasferimenti dei calciatori più forti.

Prima di vedere le quote e scommesse sul calciomercato invernale di Serie A, squadra per squadra, proponiamo le quote cambia squadra di Sisal Match Point. Ecco le scommesse.

 

 

 

 

Casa e Trasferta

Casa e Trasferta

Statistiche casa trasferta Serie A

Giocare sul proprio campo e giocare fuori casa fa molta differenza, ma questo gap per uno scommettitore può essere colmato da utili risorse come quelle presenti in questa pagina: qui è possibile trovare interessanti statistiche sul rendimento in casa e in trasferta di ogni singola squadra del campionato di Serie A, dal ruolino di marcia ai gol (sia fatti che subiti), passando per altri dettagli che possono fare la differenza. Tutto va interpretato, ovviamente, in base alla propria voglia di osare e alle contingenze specifiche della singola partita, ma in questo modo è possibile conoscere meglio alcune caratteristiche che, a un occhio meno attento e a un’analisi più superficiale, possono sfuggire garantendo minori possibilità di vincita. Ecco cinque fantastici bonus benvenuto per le scommesse sportive da attivare subito tramite i nostri link esclusivi.

FINO A 305€*VISITA IL SITO
FINO A 250€*VISITA IL SITO
FINO A 210€*VISITA IL SITO
FINO A 225€*VISITA IL SITO

*Si applicano Termini e Condizioni

Statistiche casa trasferta Serie A: classifica, gol fatti e gol subiti

Le classifiche parziali, pur essendo tali, dicono molto su quel che poi si manifesta in quella generale: giocando partite singole, infatti, lo scommettitore deve necessariamente prendere in considerazione il rendimento in casa e in trasferta delle singole squadre e del singolo giocatore. Il divario tra 2 team a volte può anche essere colmato dal fattore campo, così come un attaccante può far registrare numeri più consistenti fuori dalle mura amiche in quanto le sue caratteristiche e il rendimento della sua squadra meglio si conciliano con le modalità di gioco tipiche delle gare in trasferta. Qui è possibile consultare alcune interessanti statistiche casa/trasferta relative alla Serie A: classifica, media punti, gol fatti e subiti e molto altro. Entra nel mondo di Eurobet per avere un super bonus per le scommesse sulla Serie A e gli altri campionati.